Syndication

venerdì 25 febbraio 2011

European Coordination of Lawyers in the field of mobile telephony and health.

Verbale del 25 gennaio 2011,

riunione finalizzata alla creazione di un coordinamento europeo degli Avvocati nel campo della telefonia mobile e salute.


Presenti: - Michèle Rivasi, eurodeputato, presidente della riunione, - Gyde Knebush, fiammingo MP (Verdi) - Richard Forget, avvocato Robin des Toits (Francia) - Me Emmanuelle Guyon, avvocato "Robin des Toits" (Francia) - Sig. . Vanlangendonck Philippe, avvocato (Belgio) - Il signor Oliver Ertl, avvocato (Austria) - Sig. Vittorio Marinelli, avvocato (Italia) - Me Giuseppina Maurizi, avvocato (Italia) - Sig. Michael Bell, avvocato (UK) - Brenda Short, Consulente legale (UK) - Kerstin Stenberg, rappresentante internazionale CEM Alliance (Svezia) - Jean-Luc Guilmot, presidente Teslabel (Belgio) –
Il portavoce Etienne Cendrier per Robin des Toits (Francia)


L'Assemblea è presieduta da Michèle Rivasi, che stabilisce gli obiettivi del "Coordinamento",
ovvero di ripetere, se possibile, lo stesso tipo di causa e cercare di ottenere la demolizione delle antenne per la telefonia e di forzare sia i produttori che la Commissione europea a rivedere le norme per l'esposizione pubblica, basato sull'esempio della Francia.
Richard Forget di "Robin des Toits", dice di aver ottenuto lo smantellamento sulla base di pressioni e delle misure basate sul principio precauzionale .La Corte d'Appello di Versailles ha riconosciuto l'esistenza di controversie scientifiche e concordato con i ricorrenti, affermando che se il rischio si concretizzasse saremmo di fronte a una catastrofe sanitaria. E ha anche legittimato le preoccupazioni dei vicini delle antenne in quanto nessuno è in grado do garantire che non si possa verificare l'insorgenza dei rischi.
Etienne Cendrier afferma che la decisione di Versailles ha provocato la "Grenelle des Ondes e" Robin des Toits "ha colto l'occasione di sperimentare una soglia di esposizione della popolazione ridotta a 0,6 volt / metro, come consigliato da scienziati internazionali “indipendenti".
Robindes Toits ha definito 0,6 V / m, come un livello socialmente accettabile . I primi risultati di questo esperimento sono attesi prima dell'estate 2011.

Oliver ERTL, spiega che in Austria tutti i processi sono stati persi. In quanto le cause si sono basate sulla dimostrazione del rischio e non sono riusciti a convincere i giudici che hanno ragionato in base ai valori dell’ ICNIRP , ente altamente controverso perché diversi membri sono legati alla Wireless-Industry.
Ha menzionato anche il costo delle azioni legali in Austria, che è alto , e il carattere di servizio pubblico assegnato alla telefonia mobile che impedisce ai residenti locali di opporsi ad una 'installazione contenuta di antenne di telefonia. Ha grandi speranze sulla revisione delle norme ed in attesa dello esempio francese.

Sig. Michael Bell lamenta la mancanza di apertura della magistratura inglese che basa le sue decisioni sulla Health Protection Agency che segue ICNIRP. Egli è vicino a Sir William Stewart, autore di due ufficiali report che auspicano l'applicazione di ALARA (Al più basso ragionevolmente ottenibile) per l'esposizione pubblica ai EMF. Brenda ha illustrato l'evoluzione della giurisprudenza in UnitedKingdom .

Kerstin Sternberg ha raccontato che le autorità svedesi si basano anche loro su standard e pareri di ICNIRP. Lei dice che c'è una generica disponibilità del pubblico verso la ‘buona’ tecnologia .Le antenne per telefonia, come in Austria, sono anche associate a pubblico servizio, il ché impedisce ai residenti di opporsi alle installazioni .Secondo lei, nessuna causa è stata vinta; alcuni esperti svedesi fanno parte della ICNIRP.

Jean-Luc Guilmot ha segnalato come molti studi recenti sono indiscutibili ma non replicati, condizione necessaria per portare a una revisione delle norme. Ha descritto l’attivismo che ha portato ad una riduzione falso del livello di esposizione a Bruxelles.

Maître Philippe Vanlangendonck vuole studiare le vie legali per attaccare legalmente WHO (World Health Organization) e ICNIRP a causa della loro consulenza scientificamente parziale e per l'esistenza di interessi costituiti.

Michèle Rivasi afferma che per appellarsi alla Corte di giustizia europea, i giudici nazionali devono essere stati testati. Lei si collega alla relazione del Consiglio d'Europa per minare ICNIRP, chiedendo l'invalidazione della loro consulenza a causa di conflitti esistenti . Lei spera che il Comitato possa coinvolgere scienziati indipendenti.

Gyde Knebusch indica che una causa è stata vinta in Fiandre in base a considerazioni di rischio per la salute.

Vittorio Marinelli e Giuseppina Maurizi riportano come durante il procedimento giudiziale si deve provare l'esistenza del rischio. Il procedimento è molto complesso in Italia a causa della coesistenza di diritti locali e nazionali.

Michèle Rivasi annuncia una conferenza nel giugno 2011 portando le associazione NGOs, ma anche i rappresentanti delle compagnie di assicurazione, e parlamentari europei.
Si menziona anche la possibilità di utilizzare dei CITIZEN INITIATIVE (petisione) che richiede un milione di firme in otto paesi dell’Unione .



In conclusione:
c'è un dibattito in atto tra i giuristi in merito alle procedure possibili: se sia sufficiente basarsi sul principio di precauzione o se stabilire rischi alla salute. L’esperienza finora dimostra che le procedure basate sul principio di Precauzione e supportate da un attivismo ben strutturato hanno maggiore chance di arrivare ad un qualche risultato e importanti aperture, come nel caso in Francia.


NB: Dal momento che questo incontro, alcuni membri del Coordinamento sono stati contattati da colleghi e rappresentanti locali , alcuni rappresentanti dell’Industria sono preoccupati per il "clima giudiziario".

Nessun commento:

Posta un commento