Syndication

lunedì 10 gennaio 2011

Studio austriaco sui rischi per la salute connessi ai ripetitori

H.P. Hutter, H. Moshammer, P. WallAner e M. Kundi, Istituto di Medicina Ambientale, Università di Medicina di Vienna, Austria
Occupational and Environmental Medicine, 2006; 63: 307-313; doi: 10.1136/oem.2005.020784
Traduzione a cura di A.M.I.C.A. – www.infoamica.it

Articolo originale: Sintomi soggettivi, disturbi del sonno e performance cognitive nei soggetti che abitano vicino ripetitori dei cellulari.
Per la corrispondenza:
Dott. H-P Hutter
Istituto di Medicina Ambientale
Università di Medicina di Vienna
Kinderspitalgasse 15, A-1095, Vienna, Austria
hans-peter.hutter@univie.ac.at

Premessa: L’installazione di ripetitori della telefonia mobile nelle aree abitate ha prodotto grande preoccupazione sui possibili rischi per la salute causati dalle microonde che questi emettono.

Metodi: Sono stati studiati 365 soggetti in uno studio incrociato su persone scelte casualmente, tra chi avesse abitato per più di un anno in aree urbane e rurali vicino 10 diversi ripetitori di cellulari. Sono stati effettuati diversi test cognitivi ed è stata valutata la qualità del sonno e il livello di benessere. E’ stata misurata la potenza del campo elettromagnetico ad alta frequenza nelle camere da letto dei 365 soggetti selezionati.

Risultati: I campi elettromagnetici totali ad alta frequenza e l’esposizione correlata alle telecomunicazioni mobili erano di gran lunga al di sotto dei livelli massimi raccomandati (4.1 mW/mq). Nonostante l’influenza di variabili che confondevano, tra cui la paura degli effetti avversi causati dalla radiazione ad alta frequenza dei ripetitori, c’era una relazione significativa tra alcuni sintomi e la densità di potenza misurata, soprattutto per il mal di testa. In concomitanza all’aumento dei livelli di esposizione la velocità di percezione cresceva mentre l’accuratezza diminuiva in modo non significativo. Non c’era alcun effetto importante sulla qualità del sonno.

Conclusioni: Nonostante i livelli di esposizione fossero bassi, non si possono escludere effetti sul benessere e sulle performance, come dimostrano i risultati sperimentali recentemente ottenuti; tuttavia, i meccanismi d’azione dell’esposizione, ai suddetti livelli, restano sconosciuti. (...)
Parole chiave: ripetitori, performance cognitiva, micro-onde, telecomunicazioni mobili, qualità del sonno, sintomi soggettivi

Articolo correlato: “Rischi per la salute legati ai ripetitori dei cellulari”, D Coggon, Occup. Environ. Med  2006 63: 298-299

Nessun commento:

Posta un commento