Syndication

lunedì 10 gennaio 2011

L’elettricità “sporca” può aumentare il rischio di cancro

Janet Newton
The EMR Policy Institute, 3 giugno 2008
Our Toxic Times, luglio 2008, www.ciin.org
Traduzione a cura di A.M.I.C.A.


Un nuovo studio, pubblicato sul numero di luglio dell’American Journal of Industrial Medicine, rivela che l’elettricità “sporca” potrebbe essere causa di un maggiore rischio di cancro. Secondo uno dei coautori, Samuel Milham, premiato con il Premio Ramazzini e massimo esperto di pericoli occupazionali, l’elettricità “sporca” sembra essere stata causa di un aumento anomalo di tumori nella Scuola Quinta Middle (LQMS) in California.
L’elettricità “sporca” si crea con il passaggio di elettricità ad alto voltaggio lungo i cavi dei tralicci o degli impianti elettrici negli edifici. Milham e il co-autore Lloyd Morgan, ingegnere elettronico, hanno scoperto che tra gli insegnanti che avevano subito la maggiore esposizione all’elettricità “sporca” sul lavoro era stata riscontrata la maggior incidenza di casi di cancro.
“La tendenza della proporzionalità diretta tra cancro ed esposizione alla elettricità ‘sporca’ è fortemente significativa”, ha detto Milham.
Lo studio ha scoperto che gli insegnanti della Scuola Quinta Middle presentavano quasi tre volte il numero dei casi di cancro nel corso di 17 anni.
Milham stima che la differenza (adds) rispetto alla norma (cluster) è di 10.000 – ad – 1. L’incidenza del melanoma maligno era dieci volte maggiore di quanto ci si aspettasse, così come quelle del cancro alla tiroide e all’utero.
“Il fatto che i lavoratori mostrino percentuali maggiori di incidenza di tumore sia nella ricerca sulla Scuola Quinta Middle, che in altri studi su 770.000 addetti scolastici della California e su impiegati d’ufficio a livello mondiale, suggerisce che l’eccesso di cancro potrebbe non essere limitato agli ambienti di lavoro o al tipo di cancro e che io campi elettromagnetici potrebbero essere un fattore cancerogeno umano in generale”.
“Il periodo di latenza, cioè il tempo che passa dal momento dell’esposizione allo sviluppo del cancro, va riconsiderato. Alcuni insegnanti della Scuola Quinta Middle hanno sviluppato melanomi e cancro alla tiroide entro pochi anni dall’esposizione. Tumori più solidi hanno periodi di latenza oltre i 10 anni. Melanomi e tumori alla tiroide stanno comparendo anche tra gli studenti della Scuola Quinta Middle che sono stati esposti solo tre anni”, ha aggiunto Milham.
“Questo tipo di esposizione e di rischio è probabilmente comune negli impiegati d’ufficio o per chiunque sia stato esposto al passaggio di cavi dell’alta tensione lungo gli edifici”, puntualizza Milham.
L’elettricità “sporca” è stata identificata dall’industria elettrica come una caratteristica ubiquitaria dell’elettricità. È prodotta da apparecchi elettronici come computer, fotocopiatrici, tv al plasma, luci a risparmio energetico, così come proviene da condotti elettrici. L’industria si preoccupa dei danni che l’elettricità “sporca” produce agli apparecchi elettronici sensibili.
“Riteniamo che questa pubblicazione sia in grado di cambiare i paradigmi fondamentali nel mondo delle conoscenze sui campi elettromagnetici. Abbiamo riportato l’esposizione ad elettricità “sporca” usando un nuovo misuratore che ha dimostrato un aumento statisticamente forte di percentuali di diversi tipi di tumore e di una correlazione dose – effetto”,  ha dichiarato Morgan.
“Se le nostre scoperte sono confermate, l’elettricità ‘sporca’ prodotta nel passaggio di cavi dell’alta tensione sarà un nuovo modo di valutare i campi elettromagnetici e sarà considerata un fattore cancerogeno universale per l’uomo simile alle radiazioni ionizzanti (radioattività)”, hanno concluso Milham e Morgan.

Nessun commento:

Posta un commento